PRIAMO                         

CHI PUO' ADERIRE

Il fondo pensione Priamo si rivolge a lavoratori dipendenti:

  • del settore del servizio di trasporto pubblico il cui rapporto è disciplinato dal CCNL Autoferrotranvieri Internavigatori (Mobilità/TPL) e dei settori affini elencati nella tabella in allegato allo Statuto;
  • cui si applica il CCNL per gli addetti agli impianti di trasporto a fune;
  • cui si applica il CCNL di aziende esercenti noleggio di autobus con conducente;
  • delle organizzazioni firmatarie del CCNL Autoferrotranvieri Internavigatori (Mobilità/Tpl) a seguito di appositi accordi;
  • cui si applicano i CCNL del personale marittimo e del personale amministrativo delle società aderenti a CONFITARMA, ASSORIMORCHIATORI, FEDERIMORCHIATORI e FEDERLINEA secondo le norme dei rispettivi accordi, sottoscritte dalle OO.SS. dei lavoratori e dalle Organizzazioni imprenditoriali del settore;
  • di imprese del settore del Trasporto pubblico locale affidatarie di servizi di attività complementari e/o ausiliarie del ciclo produttivo per i quali sussistano appositi accordi in sede aziendale;

A lavoratori cui si applica il CCNL dei settori:

  • logistica, trasporto merci (CCNL 29.01.2005);
  • agenzia marittime e raccomandatarie e mediatori marittimi (CCNL 22.04.2004)
  • autoscuole e studi di consulenza automobilistica (CCNL 01.02.2001);
  • porti (CCNL 26.07.2005);
  • guardie ai fuochi (accordo OO.SS. lavoratori - ANGAF del 11.06.2007);
  • lavoratori del FASC
  • addetti con contratti collettivi affini intesi quelli operanti nel settore funerario che abbiano sottoscritto specifichi accordi di adesione.

 

L’adesione a Priamo determina per il lavoratore una serie di vantaggi. Infatti aderire a Priamo permette al lavoratore di:

  • garantirsi una pensione complementare a quella INPS;
  • godere del contributo del datore di lavoro:
  • solo chi si iscrive al Fondo pensione e versa il proprio contributo, ha infatti diritto al contributo dell’azienda (link alla pagina sulla contribuzione);
  • beneficiare di un significativo risparmio fiscale:
  • i contributi versati dall'azienda non entrano nel reddito imponibile del lavoratore. I contributi a carico dell'iscritto sono deducibili dal reddito IRPEF, consentendo pertanto un risparmio fiscale che riduce il costo effettivo della contribuzione al Fondo;
  • beneficiare, con buona probabilità e nel lungo periodo, diun maggior rendimento rispetto al TFR:
  • le quote di TFR versate a PRIAMO sono, infatti, investite sul mercato finanziario con investimenti opportunamente bilanciati per ottenere la sicurezza delle prestazioni e, tendenzialmente e nel lungo periodo, rendimenti più elevati rispetto a quello del TFR;
  • godere di una maggiore tutela previdenziale, attraverso un’articolata struttura di governo e un sistema di garanzie per l’investimento delle risorse e di controlli, assenti in altre forme di investimento. Al riguardo si evidenzia che:
  • Priamo è un’associazione senza fini di lucro; gli aderenti sono associati e non clienti;
  • gli interessi di Priamo coincidono con gli interessi dell’aderente: unico obiettivo di Priamo è quello di valorizzare, a fini pensionistici, il risparmio dei lavoratori associati;
  • tutte le attività di Priamo sono controllate dalla Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (COVIP);
  • le risorse finanziarie vengono versate presso la Banca Depositaria e investite da gestori specializzati;
  • i gestori (banche, assicurazioni, sim, società di gestione fondi comuni) sono assoggettati al controllo di specifici organismi (Banca d'Italia, ISVAP, CONSOB)

 

I VANTAGGI FISCALI (regime in vigore dal 01.01.2007)

I vantaggi fiscali riguardano la fase di contribuzione, la fase di gestione e la fase di erogazione delle prestazioni.

 

 

FASE DELLA CONTRIBUZIONE

I contributi versati al Fondo non concorrono a formare il reddito imponibile. Questo comporta che i contributi a carico dell'iscritto siano deducibili dal reddito complessivo Irpef consentendo all’associato di beneficiare di un risparmio fiscale pari all'aliquota dell'ultimo scaglione del suo reddito.


Allo sconto fiscale provvede l’azienda direttamente in busta paga senza che si renda necessario alcun adempimento a carico dell'associato. Il limite annuo di deduzione è pari a € 5.164,57 (entro questo limite rientrano il contributo del datore di lavoro ed il contributo versato dal dipendente).


Inoltre è riconosciuta la possibilità, per i neo-occupati dopo il 1° gennaio 2007, di poter dedurre contributi per un importo superiore al predetto limite ma solo relativamente ad un periodo limitato di anni, ovvero nei venti anni successivi al quinto anno di partecipazione. In sintesi, dal 6° al 25° anno di permanenza si possono dedurre le somme non dedotte nei primi 5 anni di iscrizione, con un importo annuo di deduzione comunque non superiore a € 7.746,86.

 

 

FASE DI GESTIONE

I rendimenti maturati dal fondo sono assoggettati ad imposta sostitutiva pari al 20% (12,5% per i Titoli di Stato), un livello inferiore a quello previsto per tutte le altre tipologie di rendimenti finanziari, che scontano al minimo un’aliquota del 26%.

Fase delle prestazioni (regime fiscale valido per le quote di prestazione maturate a decorrere dal 01.01.2007)


Le prestazioni finali, sia in forma di rendita che di capitale, (esclusi i contributi non dedotti, le quote di contributi eccedenti il limite di deducibilità e i rendimenti maturati tassati in fase di versamento/maturazione) scontano una imposizione con aliquota del 15% che si riduce dello 0,30% all’anno per ogni anno di permanenza oltre il quindicesimo, fino ad un’aliquota minima del 9%. 


Il regime fiscale previsto per le prestazioni finali si applica anche alle anticipazioni in caso di gravi malattie e parziali (nei casi di inoccupazione per un periodo di tempo tra i 12 e i 48 mesi ovvero in caso di ricorso a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria), al riscatto totale (per i casi di invalidità permanente che comporti la riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo e per i casi di inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 48 mesi) e ai riscatti per premorienza dell’iscritto.

 

Le anticipazioni per l’acquisto della prima casa per sé e per i figli, quelle per la ristrutturazione della casa di abitazione nonché le anticipazioni legate ad ulteriori necessità dell’iscritto e tutte le altre tipologie di riscatto sono assoggettate ad imposizione con aliquota unica del 23%.


L’aliquota fiscale del 23% si applica anche in caso di riscatto in via immediata per perdita dei requisiti di partecipazione al fondo.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© OR.S.A. Umbria